Malala: Un libro, una penna, un bambino, un insegnante possono cambiare il mondo

Malala Yousfzai continua a lottare anche dall'Inghilterra per il diritto all'educazione e allo studio dei bambini e delle donne (fonte: blitzquotidiano)

Malala Yousafzai continua a lottare anche dall’Inghilterra per il diritto all’educazione e allo studio dei bambini e delle donne (fonte: blitzquotidiano)

E’ trascorso quasi un anno da quando Malala Yousafzai fu portata di urgenza dal Pakistan in Gran Bretagna per essere operata dopo essere stata raggiunta alla testa da un proiettile sparato da due terroristi. Il motivo: aver scritto un diario in cui descriveva la situazione delle bambine in Pakistan ed essere diventata, a soli 15 anni, un simbolo della lotta di tante ragazze e donne che si battevano, e continuano a farlo anche ora, per il diritto allo studio. Dopo essere stata in pericolo di vita, la ragazza, trasferitasi in Inghilterra, non ha smesso si combattere per ciò che l’ha quasi portata alla morte. Anche oggi, all’inaugurazione di una biblioteca a Birmingham, la città che l’ha accolta come una seconda casa e dove ora vive e, soprattutto, studia, è tornata con la mente e con le parole alla situazione che tante adolescenti come lei vivono nel suo paese di origine.

«Libri e penne sono le armi che possono sconfiggere il terrorismo, la povertà, lo sfruttamento minorile e la tratta di minori. Dobbiamo prendere posizione a favore dei bambini del Pakistan, dell’India e dell’Afghanistan che stanno soffrendo. Lasciateci leggere libri e andare a scuola».

Questa settimana Malala riceverà l’International Children’s Peace Prize, il riconoscimento assegnato dalla KidsRights Foundation a un bambino che ha dato un contributo significativo alla difesa dei diritti dei minori, con la consapevolezza che il suo esempio ha smosso molte coscienze, maschili e, soprattutto, femminili.

Malala Yousafzai awarded International… di Guardian

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...