Buon compleanno, miss Elizabeth Bennet

«L’eroina di Orgoglio e Pregiudizio è Elizabeth Bennet. E’ uno dei personaggi più grandiosi e complessi mai scritti, ma tu non puoi saperlo».

Così Kathleen Kelly (Meg Ryan), protagonista del film C’è posta per te, si rivolge a Joe Fox (Tom Hanks) : convinta che Joe sia una persona spregevole e calcolatrice, pensa che lui non possa né conoscere né tantomeno amare la protagonista del suo libro preferito, Orgoglio e pregiudizio.

Keira Knightley

Keira Knightley interpreta, nel 2005, Elizabeth Bennet (fonte: missjaneblog.blogspot.com)

Effettivamente, al di là della romantica storia d’amore, Elizabeth Bennet è un personaggio molto moderno per l’epoca in cui fu scritto.

Esattamente 200 anni fa, il 29 gennaio 1813, Orgoglio e pregiudizio, il romanzo più famoso di Jane Austen, fu pubblicato in Inghilterra. Un capolavoro scritto da una signorina di buona famiglia che, come tante altre fanciulle dell’epoca, si dedicava alla creazione di racconti e scenette teatrali per divertire amici e parenti.

Elizabeth è la secondogenita in una famiglia composta da sole figlie femmine che, senza grandi possedimenti o doti sostanziose, devono fare un matrimonio dignitoso e, possibilmente, ricco. Perché naturalmente ogni giovane donzella deve e, soprattutto, vuole essere corteggiata dal ricco di turno.

IT is a truth universally acknowledged, that a single man in possession of a good fortune must be in want of a wife.

However little known the feelings or views of such a man may be on his first entering a neighbourhood, this truth is so well fixed in the minds of the surrounding families, that he is considered as the rightful property of some one or other of their daughters.

Elizabeth non fa eccezione: anche lei vuole essere ammirata. E si offende tremendamente quando Mr Darcy, il bel ricco arrivato improvvisamente in paese, la giudica insignificante e scialba.

Colin Firth

Mr Darcy interpretato da Colin Firth nella versione di Orgoglio e Pregiudizio in quattro episodi prodotta dalla BBC (fonte: fanpop.com)

La considerazione che ha di sé è talmente grande che arriva persino a rifiutare non una, ma due proposte di matrimonio, la prima perché proveniente da un uomo sciocco che lei non reputa all’altezza della sua intelligenza; la seconda, invece, proprio da quel signor Darcy che potrebbe offrirle un futuro radioso e, soprattutto, circondata da ogni ricchezza. E questo perché non l’aveva apprezzata come fanno tutti e non le ha fatto una proposta di matrimonio con gentilezza. un vero affronto.

Naturalmente nel corso del romanzo Elizabeth cambia opinione (mette da parte i pregiudizi) sul bel tenebroso Darcy, passando dal disprezzo alla comprensione all’apprezzamento all’amore. E altrettanto naturalmente il suo amato cambia per lei, sforzandosi di ammorbidire il suo carattere per farle cosa gradita (dicendo addio all’orgoglio).

Classico lieto fine delle favole: un bel matrimonio, con successivo trasferimento nel sontuoso castello di Pemberly.

La più tradizionale delle conclusioni per un’eroina che di tradizionale, duecento anni fa, aveva poco.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...