First Lady 4 – Una borghese fuori dall’Eliseo

Carla Bruni; fonte: lettera43.it

Non c’è pace per il femminismo in Francia. Prima il ministero per i Diritti delle donne organizza un corso di educazione pseudo-femminista per parlamentari offensivi e intolleranti. Il tutto dopo gli attacchi rivolti a una signora, membro dell’Assemblea Nazionale, per il suo vestito svolazzante bianco a fiori azzurri, considerato poco rispettoso delle solenni sale del Palais Bourbon.

Ora, invece, è l’ex Prèmiere Dame Carla Bruni ad attirarsi le ire delle femministe francesi e non solo. «La mia generazione non ha più bisogno di essere femminista – ha dichiarato la signora Sarkozy a Vogue – ci sono delle pioniere che ci hanno aperto la strada. Io non sono per nulla una militante, sono piuttosto una borghese».

E’ una borghese proveniente da Torino, Carla Gilberta Bruni Tedeschi, figlia di un imprenditore e di una pianista, da bambina viveva in un castello, prima di trasferirsi a Parigi. Modella, moglie dell’ex presidente della repubblica Nicolas Sarkozy, ora cantante. L’estratto dell’intervista, che verrà pubblicata solo il 3 dicembre, ha scatenato un nugolo di polemiche da parte di gruppi di femministi che hanno subito creato su Twitter l’hastang #cherecarlabruni.

La copertina di Vogue, in edicola il 3 dicembre; fonte: fashionblog.it

Bella, ricca, sposata ad un uomo potente. Può permettersi di presentarsi agli incontri ufficiali con la regina d’Inghilterra con le ballerine ai piedi, e risultare comunque elegante e aggraziata, senza il tipico andamento da papera che avrebbe qualsiasi donna normale. Sussurra mentre sfiora una chitarra. Era prevedibile che l’ironia, e non solo quella delle femministe, si scatenatasse contro di lei. La versione francese e raffinata di Carlà era uno dei personaggi fissi degli spettacoli di Fiorello: seduta con leggiadria su una sedia, imbracciava una chitarrina, e con accento sognante ripeteva il tormentone «Che volgaritè!», mentre raccontava di essere stata aiutata, nel parto, da Jean Paul Gautier.

Uscita dall’Eliseo, la vera Carlà consiglia alla nuova prémiere dame, Valérie Trierweiler, di farsi sposare dal presidente Hollande. Ora un’altra, ennesima frase fuori luogo per la donna arrivata in Francia dalla città al di là delle Alpi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...